Il ritorno degli Euromissili?

Reagan e Gorbachev alla firma del Trattato INF

Dopo l’intenzione del presidente Trump di uscire dagli accordi del Trattato INF del 1987, sono arrivati numerosi i commenti preoccupati e allarmati da parte di gran parte del mondo civile. La delusione è grande perché proprio il Trattato, che portò alla completa dismissione dei cosiddetti Euromissili dislocati in Europa (compresa l’Italia) su entrambi i confini dei due blocchi –  i Pershing II e Cruise in Occidente e gli SS20 nell’Unione Sovietica – sancì in pratica la fine della Guerra Fredda.

Reagan e Gorbachev, pur essendo entrambi a capo delle maggiori potenze mondiali, all’atto della loro firma dimostrarono grande saggezza: la stessa dislocazione e portata dei missili a breve e medio raggio in caso di errori o malfunzionamenti dei sistemi di allerta avrebbero causato con grande probabilità l’avvio di una guerra nucleare: i pochi minuti del loro tragitto non sarebbero stati sufficienti per l’individuazione del falso allarme.

In un’intervista a RT International, Alice Slater, membro del Comitato di Coordinamento dell’organizzazione World Beyond War, ha così commentato:

Con 122 nazioni che hanno votato la scorsa estate per adottare un Trattato per il divieto totale delle armi nucleari allo stesso modo di come sono state bandite le armi chimiche e biologiche, sembra che il mondo si sia bloccato in una nuova distorsione temporale della Guerra Fredda, del tutto inappropriata per questi tempi.”

“Sarebbe ora un’opportunità per prendersi una pausa dai giochi di combattimento nucleari – nuove minacce, trilioni di dollari sprecati e punti di QI su sistemi di armi che i presidenti Reagan e Gorbachev hanno riconosciuto, nel 1987, alla fine della Guerra Fredda, che non potevano mai essere usati, avvertendo che una guerra nucleare non può essere vinta e non deve mai essere combattuta“.

“Adesso nel 2018, più di 30 anni dopo, quando 69 Nazioni hanno firmato il Trattato per mettere al bando il nucleare e 19 delle 50 Nazioni richieste hanno ratificato il Trattato per farlo entrare in vigore, gli Stati Uniti e la Russia ritornano in una lotta sacrilega per mantenere la corsa agli armamenti nucleari.”

Mentre dalle pagine dell’agenzia internazionale “Pressenza” leggiamo quanto scrive Angelo Baracca, già docente di fisica nucleare all’università di Firenze e attivista nelle tematiche del nucleare civile e militare:

“All’inizio degli anni Ottanta la cosiddetta “Crisi degli Euromissili” aveva indotto ad avvicinare il Doomsday Clock a soli 3 minuti, e si concluse ufficialmente l‘8 dicembre 1987 proprio con la firma da parte del Presidente USA Ronald Reagan e del Segretario Generale dell’URSS Michail Gorbachev del Trattato INF, che prevedeva la rimozione delle testate tattiche su missili a raggio breve e intermedio (tra 500 e 5.500 km) schierate in Europa.”

“Ormai è ben noto che dopo il crollo dell’URSS nacque l’illusione che gli armamenti nucleari che avevano dominato l’equilibrio, peraltro assai precario, fra i due Blocchi ormai fossero diventate superflue e si potessero eliminare, e in effetti negli anni Novanta iniziò un processo di riduzione degli arsenali nucleari statunitense e russo (gli arsenali nucleari degli altri paesi comunque crebbero a un totale di quasi 1.000, con l’ingresso nel club nucleare dell’India, del Pakistan e della Corea del Nord, nonostante lo smantellamento di quello peraltro modesto del Sudafrica, unico esempio al mondo). Ma alla fine del secolo le tensioni internazionali ripresero ad aggravarsi e quella illusione di poterci liberare per sempre dalle armi nucleari sfumò.”

Ed è una delusione cocente anche per noi, Nobel Laureates dal 1985 proprio per il contributo che IPPNW diede alla consapevolezza delle conseguenze di una guerra nucleare e dell’ipotesi di “conflitto non intenzionale” . Concetti che influirono anch’essi alla decisione dei leader delle due superpotenze alla sottoscrizione del Trattato INF. Delusione che adesso si contrappone all’entusiasmo e alla speranza generati dall’approvazione, la scorsa estate, del TPNW, il Trattato che sancisce la proibizione delle armi nucleari. Adesso più che mai dobbiamo lottare – finché siamo in tempo – per far sì che il mondo civile riesca a far rimettere sui binari della ragione quella stretta minoranza di Stati che ancora insistono nel loro isolamento atomico.

Finché siamo in tempo. Le lancette del Doomsday Clock si stanno avvicinando alla mezzanotte.


Per approfondire: