Pergamena Nobel 1985 (2)Trent’anni fa, nel pieno della corsa alle armi nucleari e della cosiddetta Guerra Fredda tra USA ed URSS, tra capitalismo e cosiddetto socialismo reale, si giunse tanto vicini all’impiego delle armi nucleari che medici americani e sovietici, ormai amici dopo tanti anni di collaborazione accademica internazionale, decisero di intervenire per aiutare i leaders in carica alla Casa Bianca ed al Cremlino a capire l’urgente necessità di un accordo strategico, fino allora impensabile, tra le due superpotenze nucleari che rappresentavano. Tre medici americani e tre sovietici, dunque, fondarono l’Internazionale Medici per la Prevenzione della Guerra Nucleare, International Physicians for the Prevention of Nuclear War (IPPNW, www.ippnw.org).

Il dott. Michele Di Paolantonio ad Oslo, il 10 dicembre 1985, con la pergamena e la medaglia d'oro del Premio Nobel per la Pace
Il dott. Michele Di Paolantonio ad Oslo, il 10 dicembre 1985, con la pergamena e la medaglia d’oro del Premio Nobel per la Pace

Il cruciale ruolo dei medici italiani nella prevenzione della guerra nucleare si formalizzò con la costituzione a Roma del Comitato Scientifico Italiano “Medicina per la Pace” nel 1982, di cui furono chiamati a far parte tutti i membri del Comitato Centrale della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici, i membri medici dell’Accademia Pontificia delle Scienze e dell’Accademia Nazionale dei Lincei. Dal seno del Comitato venne costituita la Sezione Italiana dell’Internazionale Medici, che fu rappresentata dal suo attuale Presidente, dott. Michele Di Paolantonio, il 10 dicembre 1985 nella cerimonia di consegna ad Oslo del Premio Nobel per la Pace all’organizzazione stessa, in rappresentanza dei medici italiani.

La Sezione Italiana dell’Internazionale ha partecipato a tutti i Summit dei Premi Nobel per la Pace svoltisi dal 2000 al 2007 a Roma. In occasione del Summit del 2003, la FNOMCeO accolse nella sua sede la delegazione mondiale dell’Internazionale Medici, a fattivo ricordo e riaffermazione del comune cruciale impegno profuso molti anni prima per lo smantellamento dei missili nucleari intermedi dall’Europa.

Vedi “Così fermammo gli Euromissili“, articolo pubblicato sul dossier per il 150° anniversario dell’Unità d’Italia di “Sapere”, la più antica rivista scientifica italiana (anno 77°, n.5, ottobre 2011, pagine 106, 107, 108)

Latest News

Emergenza pandemia. Intervista a Mikhail Gorbachev

Fonte: Pavel Palazhchenko e Metta Spencer. Riportato su World Beyond War Traduzione dall'inglese di Matteo Locatelli (team traduttori associazione Peacelink) ...
Leggi Tutto

Coronavirus vs. deterrenza nucleare

Una lettera ai parlamentari del Regno Unito. Da tre ex comandanti della Royal Navy ecco un appello. Nel tempo del ...
Leggi Tutto

Eppur si va avanti

Quasi a far da contraltare alle scorse bad news, una buona notizia aggiunge un tassello di speranza. Nello stesso giorno dell'aggiornamento ...
Leggi Tutto

Manca sempre meno a mezzanotte

Non è un titolo ottimista questo; ché l’ultimo responso redatto oggi dal Bulletin of the Atomic Scientists è molto chiaro ...
Leggi Tutto