IPPNW International Council Statement 2024. Call for sanity, Call for action

IPPNW International Council – June 8, 2024

Oggi l’umanità deve affrontare la doppia minaccia esistenziale rappresentata dal cambiamento climatico e dalla guerra nucleare. Il primo sta già rendendo inabitabili ampie parti del nostro pianeta; è assolutamente necessaria un’azione climatica molto più ampia. Per la guerra nucleare, che potrebbe uccidere miliardi di persone e porre fine alla civiltà umana, la prevenzione è l’unica cura.

Allo stesso tempo, la guerra e i conflitti armati hanno ucciso o ferito centinaia di migliaia di persone.
Altri milioni sono stati costretti ad abbandonare le proprie case. I già devastanti conflitti in Ucraina, Israele e Palestina che coinvolgono stati dotati di armi nucleari sollevano lo spettro di guerre regionali più ampie o addirittura di un confronto globale. È necessario ripristinare il rispetto del diritto internazionale umanitario e la protezione dei civili, dei bambini e degli operatori sanitari nei conflitti armati.

Noi medici e membri della nostra organizzazione internazionale presente in 56 paesi siamo sempre più preoccupati per l’ascesa del militarismo, segnato da una spesa militare storica che ha distolto risorse preziose dai bisogni urgenti di sicurezza umana e ambientale. Sembra esserci una crescente convinzione che i conflitti possano essere risolti con la violenza e che le armi forniscano sicurezza.

È necessario un ritorno alla diplomazia per porre fine alle guerre di oggi, per prevenire nuovi conflitti e per proteggere la salute umana e planetaria dalle devastazioni della distruzione del clima e della guerra nucleare.
Dobbiamo anche affrontare l’illusione che la deterrenza nucleare fornisca sicurezza. La razionalità umana non è garantita e la guerra nucleare può scoppiare involontariamente, per errore tecnico o umano o per attacco informatico. La deterrenza alimenta la proliferazione e ostacola il disarmo nucleare. Il possibile utilizzo dell’automazione e dell’intelligenza artificiale nel comando e controllo nucleare è profondamente preoccupante.

Una guerra nucleare regionale che coinvolga meno del 3% dell’arsenale nucleare globale potrebbe causare un improvviso cambiamento climatico e la fame globale. La carestia potrebbe colpire un terzo del mondo. Nonostante questa prospettiva mortale, gli stati dotati di armi nucleari stanno spendendo miliardi in una nuova corsa agli armamenti nucleari.

La crescente insicurezza e sfiducia hanno portato anche al quasi collasso del regime internazionale di controllo degli armamenti e di disarmo. Eppure il Trattato delle Nazioni Unite sulla proibizione delle armi nucleari (TPNW) del 2017 rappresenta un faro di speranza. Con quasi la metà delle nazioni del mondo parti o firmatarie del Trattato, il TPNW sta sfidando l’attuale norma che sancisce le armi nucleari nelle dottrine di sicurezza. Sta inoltre spingendo le istituzioni finanziarie a disinvestire dalle aziende che producono armi nucleari e a lavorare per la giustizia per i sopravvissuti all’uso e ai test nucleari. È fondamentale che tutti gli Stati membri delle Nazioni Unite aderiscano al TPNW il prima possibile.
L’abolizione del nucleare e la costruzione della pace potrebbero rappresentare una parte sostanziale della soluzione alla crisi climatica.

L’attività militare e i conflitti armati sono distruttori di ecosistemi e principali fonti di emissioni di gas serra. Se potessimo utilizzare le enormi risorse materiali e umane ora sprecate nella corsa agli armamenti nucleari per risolvere le nostre urgenti crisi legate al cambiamento climatico e alla perdita di biodiversità, ciò contribuirebbe sostanzialmente a salvare il pianeta e la civiltà umana.

La direzione attuale è allarmante, ma la distruzione del clima e l’Armageddon nucleare non sono il futuro che deve essere. Abbiamo le conoscenze e gli strumenti per creare un futuro più sicuro e più sano. Chiediamo alle nazioni del mondo, soprattutto a quelle coinvolte in conflitti armati, di sostenere il diritto internazionale umanitario, impegnarsi in un dialogo serio per la pace e lavorare per l’abolizione delle armi nucleari. Unitevi a noi nei nostri sforzi collettivi per garantire il nostro futuro comune.



Disarmo per la giustizia climatica e la salute

Disarmament for Climate Justice and Health

Delegazione dell’IPPNW alla COP28

Si sta svolgendo dal 30 novembre al 12 dicembre negli Emirati Arabi Uniti la 28esima Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP28). Per la prima volta, l’IPPNW ha inviato una delegazione internazionale ufficiale alla COP per garantire che la salute umana e ambientale sia al centro del processo decisionale.

Come medici e operatori sanitari avvertiamo che la crisi climatica, la militarizzazione e le armi nucleari rappresentano una grave minaccia per la salute globale.

Allo stesso tempo, si possono ottenere enormi benefici per la salute superando la nostra “dipendenza dai combustibili fossili” e il bisogno distruttivo di giochi di potere militarizzati. In un momento di speranza: per la prima volta i temi della salute e della pace faranno parte del programma della COP il 3 dicembre 2023.


Gli appelli dell’IPPNW a tutti gli Stati alla COP28:

  1. Le emissioni militari di gas serra accelerano il collasso climatico, ponendo una grave minaccia per la salute e il clima. Dovrebbero essere inclusi nei negoziati e sotto la rendicontazione vincolante dell’UNFCC per raggiungere la soglia di 1,5°C.
  2. La corsa agli armamenti globale minaccia la salute e il clima. Il disarmo e la smilitarizzazione possono contribuire a finanziare la mitigazione del clima. La cooperazione e la sicurezza umana dovrebbero essere al centro della politica e del processo decisionale.
  3. L’energia nucleare non è una soluzione al cambiamento climatico, ha gravi conseguenze sulla salute durante il suo ciclo di vita e aumenta il rischio di proliferazione nucleare. Cessare la creazione di nuove centrali nucleari, attuare la rapida eliminazione della produzione di energia nucleare e passare a una transizione giusta verso l’energia rinnovabile.
  4. Le armi nucleari rappresentano una grave minaccia per la salute del pianeta e di tutte le sue forme di vita. Gli accordi sul clima dovrebbero sollecitare tutti i governi ad aderire al Trattato delle Nazioni Unite sulla proibizione delle armi nucleari il prima possibile.

Nel dettaglio:

1. La militarizzazione e la corsa agli armamenti globale in corso stanno esacerbando la catastrofe climatica

Si stima che l’attività militare contribuisca al 5,5% delle emissioni globali di gas serra rispetto al 4,4% del settore sanitario globale (anche se lo scopo di uno è uccidere e distruggere mentre l’altro è destinato a sostenere la vita). Tuttavia, secondo l’UNFCCC, la loro segnalazione rimane volontaria e i dati ufficiali per paese rimangono scarsi. Gli studi mostrano sempre più l’impatto delle emissioni di carbonio a livello militare, vale a dire che nel 2017 il Pentagono è stato responsabile di più emissioni di carbonio rispetto a paesi come Svezia o Danimarca. Gli effetti climatici e ambientali delle guerre sono ancora meno presi in considerazione. I ricercatori hanno scoperto che i primi 12 mesi di guerra in Ucraina hanno prodotto 119 milioni di tonnellate di CO2, tanto quanto il Belgio ha prodotto nello stesso periodo. Mentre gli eserciti e gli attori della difesa elaborano strategie climatiche, non vi è alcuna prova che un “rinverdimento” delle forze armate sia possibile. Anche se lo fosse, i cicli di produzione e di durata delle attrezzature militari superano di gran lunga la finestra temporale di chiusura per l’azione per il clima. L’aereo da caccia F-35, ad esempio, produce 28 t di CO2 con un pieno di carburante, equivalente all’impronta di CO2 media annua di 4 cittadini tedeschi o 70 cittadini kenioti. Si prevede che l’F-35 diventi la pietra angolare della potenza aerea della NATO e degli alleati degli Stati Uniti e che opererà fino al 2070.

Dobbiamo dimezzare le emissioni entro il 2030 per rimanere entro il limite di 1,5 gradi e garantire così la salute umana e planetaria. Dobbiamo affrontare le emissioni militari.

2. La spesa militare globale è più alta che mai, dirottando risorse dall’azione per il clima

Nel 2022 la spesa militare mondiale è salita a 2.240 miliardi di dollari, 82,9 miliardi di dollari sono stati spesi solo per le armi nucleari. Affrontare la catastrofe climatica richiederà finanziamenti per la mitigazione, l’adattamento e le perdite e i danni, una delle principali questioni negoziate alla COP28. Il Fondo verde per il clima e altri strumenti finanziari per l’azione climatica sono notoriamente sottofinanziati. L’ultimo rapporto dell’IPCC afferma chiaramente che lo spazio fiscale potrebbe dover provenire da altre fonti e che “moderate riduzioni della spesa militare (che potrebbero comportare la risoluzione dei conflitti e accordi transnazionali sulle limitazioni degli armamenti) potrebbero liberare considerevoli risorse per l’agenda degli SDG”. Un rapporto di diverse ONG, tra cui IPPNW Germania, ha rilevato che 1,26 trilioni di dollari di spesa militare della NATO nel 2023 coprirebbero la promessa non mantenuta delle nazioni più inquinanti di finanziamenti per il clima di 100 miliardi di dollari all’anno per 12 anni, o l’adattamento e la mitigazione del clima dei paesi africani per 4 anni. anni. Invece, gli eserciti e l’industria degli armamenti stanno utilizzando il cambiamento climatico come argomento per aumentare i budget e le capacità militari. Le armi vengono esportate verso paesi vulnerabili dal punto di vista climatico e che stanno vivendo conflitti violenti, esacerbando così il doppio impatto della violenza e della crisi climatica.

3. L’energia nucleare è un vicolo cieco nella ricerca di energia pulita

Di fronte alla crisi climatica, alcuni stanno proponendo una soluzione apparentemente semplice senza emissioni di carbonio: l’energia nucleare. Ma in realtà, l’energia nucleare è troppo insignificante nel confronto globale, troppo lenta e troppo costosa per la decarbonizzazione rapidamente necessaria e troppo pericolosa per le persone e la natura per essere più di una distrazione senza alcun effetto reale e tempestivo sull’azione per il clima. Al contrario, l’assoluta incompatibilità delle grandi e rigide centrali elettriche con le fonti di energia rinnovabile rende l’energia nucleare più un freno che una soluzione. I principali motori dell’energia nucleare rimangono ancora gli Stati dotati di armi nucleari. Dei 195 paesi del mondo, 33 attualmente gestiscono centrali nucleari. Oltre la metà (57%) dell’elettricità generata da queste centrali nucleari è prodotta da soli tre paesi: gli Stati Uniti, il più grande produttore mondiale di energia nucleare, seguiti da Cina e Francia. Con la Russia al quarto posto in questa classifica e la Corea del Sud al quinto, questi cinque paesi da soli hanno rappresentato il 71% dell’energia nucleare generata a livello mondiale nel 2021.

L’energia nucleare è costosa e inaffidabile, sta perdendo importanza rispetto alla produzione complessiva di elettricità, è in ritardo rispetto alle energie rinnovabili in termini di rapporto costo-efficacia e produzione ed è quindi obsoleta. E l’energia nucleare rimane pericolosa: le sue conseguenze radiotossiche e i rischi per la salute lungo l’intera catena del combustibile, dalla miniera di uranio alla questione dello stoccaggio finale, rimangono un fardello irrisolto per le generazioni future.

4. Le armi nucleari minacciano un cambiamento climatico catastrofico

Le armi nucleari rappresentano una grave minaccia esistenziale per la salute umana e ambientale. Una cosiddetta guerra nucleare “limitata” avrebbe conseguenze climatiche catastrofiche a livello globale. Un nuovo studio dell’IPPNW mostra che una guerra nucleare tra India e Pakistan, entrambi stati dotati di armi nucleari e spesso in conflitto, che utilizzi meno del 3% degli arsenali nucleari mondiali, potrebbe uccidere fino a una persona su tre sulla terra. Lasciando intatto il 97% delle armi nucleari del mondo, questo scenario plausibile altererebbe il clima mondiale in modo tale da ridurre i tempi di raccolta dei cereali di base da cui dipendono molte popolazioni, portando a una carestia globale nei decenni a seguire.

Anche quando le armi nucleari non vengono utilizzate, il loro mantenimento e produzione sottrae fino a 82,9 miliardi di dollari all’anno che potrebbero essere destinati agli investimenti necessari in energie rinnovabili, finanziamento di perdite e danni e altri sforzi di mitigazione del clima. Inoltre, la sola produzione di armi nucleari provoca immensi danni umani e ambientali.

La soluzione alla crisi climatica deve includere il disarmo nucleare.


Side event at COP28 – by Bimal Khadka
Side event at COP28 – by Bimal Khadka
Side event at COP28 – by Bimal Khadka

IPPNW Statement to the second Meeting of States Parties to the TPNW

Riportiamo qua tradotto l’intervento della dott.ssa Sally Ndung’u (Kenya), membro del board di IPPNW, al 2° Meeting degli Stati Parte al Trattato per la Proibizione delle Armi Nucleari (TPNW).


L’intervento della dott. Sally Ndung’u

Gentile Presidente, stimati Delegati e Colleghi,

Mi chiamo Sally Ndung’u, medico e specialista in sanità pubblica del Kenya. Grazie per questa opportunità di parlare a nome dei medici internazionali per la prevenzione della guerra nucleare. Essendo io stessa un professionista sanitario, ho l’obbligo morale e professionale di chiedere un futuro più sicuro e più sano senza armi nucleari.

Illustri delegati – A quasi 80 anni dall’inizio dell’era nucleare, siamo sopravvissuti non grazie a leader saggi, o a una solida dottrina militare, o a una tecnologia infallibile, ma grazie alla fortuna. E ora, gli eventi dell’ultimo anno hanno messo a nudo quanto sia profondamente pericoloso scommettere sulla sicurezza del mondo sulla speranza di una buona fortuna indefinita. Come professionisti medici, ci siamo impegnati a dedicare la nostra vita al servizio dell’umanità, ma la minaccia incombente di una guerra nucleare ci toglie la speranza di onorare questo impegno.

Delegati, in caso di guerra nucleare, qualsiasi tentativo da parte della comunità medica di offrire cure e cure alle vittime, compresi noi, sarà probabilmente inutile. Dobbiamo quindi concentrarci sulla prevenzione primaria garantendo che le armi nucleari non vengano mai più utilizzate. Il TPNW fornisce infatti un chiaro percorso legale e morale per sradicare questi strumenti di distruzione di massa indiscriminata.

Una nuova ricerca condotta dopo il Primo Incontro degli Stati Parte ha rivelato che una guerra nucleare sarebbe molto più catastrofica di quanto pensassimo in precedenza. In effetti, anche una cosiddetta guerra nucleare “limitata” o “regionale” sarebbe un evento su scala planetaria; mandando in crisi il clima, le catene di approvvigionamento alimentare globale e, probabilmente, l’ordine pubblico. Le conseguenti carestie e disordini porterebbero alla fame e alla morte di 2 miliardi di persone nei primi due anni. Anche nella mia regione, molto lontana dalle esplosioni nucleari, agli africani innocenti non verrebbero risparmiati questi orrori indiretti. Una guerra su larga scala tra Stati Uniti e Russia causerebbe un completo inverno nucleare e una carestia globale che ucciderebbe più di 5 miliardi di persone nei primi due anni.

Nonostante questi rischi devastanti, quasi inimmaginabili, tutti e nove gli stati dotati di armi nucleari continuano a:

– spendere ingenti somme di denaro per migliorare e ampliare i propri arsenali nucleari; investimenti che potrebbero altrimenti essere utilizzati per affrontare bisogni umanitari urgenti come l’accessibilità a una corretta alimentazione, servizi igienico-sanitari e assistenza sanitaria;

– violare gli obblighi in materia di disarmo previsti dall’articolo VI del TNP;

– e impegnarsi in attività destabilizzanti, tra cui lo svolgimento di due guerre violente, di cui una dove è stato minacciato in modo esplicito e credibile di utilizzare armi nucleari.

Illustri delegati,

Nell’agosto 2023, più di 150 importanti riviste mediche, tra cui The Lancet, British Medical Journal, New England Journal of Medicine e Journal of the American Medical Association hanno pubblicato un editoriale congiunto senza precedenti chiedendo misure urgenti per ridurre il crescente pericolo di guerra nucleare e che tutte le nazioni aderiscano al TPNW. Citando la particolare responsabilità della comunità sanitaria, l’editoriale esorta “le associazioni dei professionisti sanitari a informare i propri membri in tutto il mondo sulla minaccia alla sopravvivenza umana”. A questo proposito, anche le Nazioni Unite e le sue Agenzie Specializzate hanno un ruolo fondamentale da svolgere.

Nel 1980, il Segretario generale delle Nazioni Unite pubblicò uno studio completo sulle armi nucleari. Nel 1983 e nel 1987, l’Organizzazione Mondiale della Sanità pubblicò edizioni successive del suo storico rapporto “Effetti della guerra nucleare sulla salute e sui servizi sanitari”. Questi rapporti, pubblicati più di 30 anni fa, sono ormai obsoleti poiché da allora sono emerse molte nuove prove rilevanti.

Sebbene l’Istituto delle Nazioni Unite per la ricerca sul disarmo abbia pubblicato rapporti sulle armi nucleari e sul disarmo, pochissime altre agenzie delle Nazioni Unite si sono impegnate in questioni relative alle armi nucleari in modo sostanziale o continuativo. Eppure la guerra nucleare avrebbe profonde implicazioni per ogni sfera dell’attività umana.

Illustri delegati,

Quest’anno, la prima priorità individuata nella “Nuova agenda per la pace” del Segretario generale delle Nazioni Unite è l’eliminazione delle armi nucleari. Esortiamo pertanto tutti gli Stati parti del TPNW a sviluppare ed estendere il lavoro del gruppo consultivo scientifico adottando le seguenti misure in occasione del 2MSP:

(a) Sollecitare e sostenere l’Organizzazione Mondiale della Sanità a convocare un comitato internazionale di esperti per produrre un rapporto del 21° secolo sugli effetti della guerra nucleare sulla salute e sui servizi sanitari. Uno dei modi più efficaci per sostenere questo lavoro sarebbe che gli Stati fornissero i finanziamenti necessari;

(b) Sollecitare il Segretario Generale NU a produrre un nuovo rapporto globale sulle armi nucleari, con il contributo di tutte le agenzie competenti delle Nazioni Unite;

(c) Richiedere al gruppo consultivo scientifico TPNW di incoraggiare, assistere e, ove opportuno, contribuire a queste iniziative.

Illustri delegati,

Questo secondo incontro degli Stati parte del TPNW avviene in un momento di straordinario pericolo in cui il mondo sta camminando come un sonnambulo verso una catastrofe nucleare di portata inimmaginabile. È ora di svegliarsi, prima che il nostro incubo diventi realtà. Da questo Incontro deve emergere un chiaro appello all’azione che il mondo non può ignorare.

Grazie.

Al Segretario Generale delle Nazioni Unite

Pubblichiamo qui tradotto il messaggio inviato al Segretario Generale delle Nazioni Unite Guterres dai co-Presidenti di IPPNW Dr. Carlos Umana, Dr. Kati Juva e David Onazi, a supporto del discorso tenuto lo scorso 13 ottobre al Consiglio di Sicurezza. Il documento ufficiale è allegato in fondo alla pagina.


Egregio Signor Segretario Generale Guterres,
28 ottobre 2023

Vi scriviamo in qualità di co-presidenti della nostra organizzazione Premio Nobel per la Pace per esprimere il nostro sincero sostegno al vostro eccellente discorso del 13 ottobre al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Era equilibrato e, pur esponendo il contesto, lei ha anche chiaramente respinto tale contesto come giustificazione per gli “spaventosi attacchi” del 7 ottobre da parte di Hamas contro cittadini israeliani. Lei ha detto che questi attacchi, tuttavia, non giustificano una punizione collettiva del popolo palestinese.

La cosa più importante è che desideriamo mostrare solidarietà a tutte le persone, come voi, che stanno dalla parte dei cittadini che soffrono le terribili conseguenze della guerra, comunque sia avvenuta. Come medici, è nostro dovere, innanzitutto, che non sia arrecato alcun danno. Il Diritto Internazionale umanitario, nato per l’opera di un’organizzazione medica – la Croce Rossa – estende questo principio a tutta la condotta bellica. I cittadini non devono essere colpiti. Il nostro lavoro come operatori sanitari per aiutare i cittadini in pericolo non deve essere reso impossibile dalla minaccia di bombe che cadono sul nostro luogo di intervento, dalla mancanza di carburante per far funzionare l’elettricità per le nostre attrezzature o per pompare acqua per mantenere in vita i nostri pazienti. Come ben sapete, mentre le bombe radono al suolo Gaza, compresi i centri sanitari, le scuole e i rifugi delle Nazioni Unite, le persone muoiono a causa degli effetti di un blocco disumano che ucciderà coloro che non saranno colpiti per primi dalle bombe.

Non possiamo restare a guardare questo massacro, anche se sosteniamo fermamente la richiesta di ritorno a casa degli ostaggi. Bloccare e radere al suolo Gaza non è il modo per riavere gli ostaggi, né impedirà simili attacchi in futuro. Al contrario, potrebbe alimentare il terrorismo altrove, così che Israele non sarà mai al sicuro e non vivrà mai in pace. Il nostro obiettivo deve essere la pace, la salute e la sicurezza di tutte le persone.

Applaudiamo pertanto alla risoluzione approvata ieri sera dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite per una tregua umanitaria a Gaza.

Grazie per le vostre parole coraggiose e grazie alle Nazioni Unite e alle sue organizzazioni per tutto quello che state facendo. Siamo al vostro fianco.

Dr. Carlos Umana, Dr. Kati Juva and David Onazi

Co-Presidents.
International Physicians for the Prevention of Nuclear War (IPPNW)

 


Nuova guerra in Medio Oriente. Comunicato congiunto da IPB – METO – IPPNW

L’International Peace Bureau (IPB), Middle East Treaty Organization (METO) e International Physicians for the Prevention of Nuclear War (IPPNW) sono profondamente preoccupate per l’escalation di violenza israelo-palestinese senza precedenti lanciata la mattina di sabato 7 ottobre, che ha già provocato la perdita di centinaia di vite. La paura, il panico e l’incertezza che i cittadini israeliani e palestinesi provano in questi momenti richiedono la nostra compassione e comprensione, anche se la misura in cui il conflitto si intensificherà rimane poco chiara.”

Inizia così il comunicato congiunto che le tre Organizzazioni internazionali hanno rivolto alla comunità mondiale, dopo l’improvviso accendersi del conflitto che sta insanguinando le terre e le popolazioni di Israele e della Palestina. E prosegue:

“Il bilancio delle vittime non può continuare a salire. I firmatari di questa dichiarazione chiedono quindi un’immediata attenzione globale per allentare il conflitto e fornire assistenza umanitaria sul campo. Inoltre, invitiamo la comunità internazionale a sostenere la cessazione immediata degli attacchi, dei rapimenti di civili e degli attacchi alle infrastrutture non militari. Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite deve essere all’altezza delle responsabilità previste dalla sua Carta per il mantenimento della pace e della sicurezza internazionale. Dovrebbe urgentemente chiedere a tutte le parti di fermare la violenza e di rispettare e proteggere la vita dei civili, in particolare dei bambini.”

“Non esiste una soluzione militare alla multiforme e complessa crisi tra Israele e Palestina; riconosciamo la profonda sofferenza dei palestinesi e degli israeliani anche sotto lo status quo, compresa la violenza dei coloni, gli attacchi terroristici, la violenza economica e un costante ambiente di paura in caso di violazione del diritto internazionale. Le radici del conflitto sono profonde e possono essere affrontate soltanto quando non è presente violenza immediata e diretta.”

L’appello quindi coinvolge entrambe le parti del conflitto, entrambe responsabili della violenza sui civili. E rivolgendosi in particolare alla Lega degli Stati Arabi per impegnarsi in negoziati sulla base della Arab Peace Initiative.

Esige quindi:

  • Una cessazione immediata della violenza, in particolare degli attacchi contro le infrastrutture civili;
  • Lo scambio immediato di ostaggi e prigionieri per motivi umanitari;
  • La creazione di un corridoio umanitario per il passaggio sicuro dei servizi di emergenza e degli aiuti;
  • La comunità internazionale, in particolare la Lega degli Stati arabi, all’impegno in negoziati basati sull’Arab Peace Initiative (API), l’unica soluzione globale al conflitto arabo-israeliano in Medio Oriente.
Nota: L’Arab Peace Initiative è un piano di pace globale proposto nel 2002 dall’allora principe ereditario Abdullah dell’Arabia Saudita. L’Iniziativa chiede la fine del conflitto tra Israele e i palestinesi e la normalizzazione delle relazioni tra Israele e l’intero mondo arabo, in cambio del ritiro israeliano dalle aree conquistate da Israele durante la Guerra dei Sei Giorni del 1967.

Vedi anche:
(da Al Jazeera): https://www.aljazeera.com/news/2010/3/28/the-arab-peace-initiative
(da Middle East Monitor): https://www.middleeastmonitor.com/20210328-remembering-the-2002-arab-peace-initiative/
(da Wikipedia): https://en.wikipedia.org/wiki/Arab_Peace_Initiative

Qua sotto il documento originale: